© 2016 Oltre lo Specchio Magico

Contattaci:

06 69315787

3478861977

​Dove siamo: 

Via XXV Luglio n. 4

00046 Grottaferrata - Roma

1/1

“Lasciamo che i bambini ci insegnino a ridere senza motivo, ci insegnino a giocare,

a fare finta, a non smettere di lottare

per i propri desideri”.

Età evolutiva

... a volte però qualcosa non va nello sviluppo del bambino ed emergono dei segnali che possono preoccupare il genitore o chi si prende cura di lui, e spingerlo a chiedere aiuto...

 

Quali disturbi? 
 

  • DISTURBO DEL LINGUAGGIO“Mio figlio ancora non parla, non riesce ad esprimersi bene...”
    Si tratta di un ritardo nell’acquisizione e di una compromissione di una o più componenti linguistiche in particolare: Il lessico, la pragmatica, la fonologia e la morfosintassi. Il disturbo si caratterizza da difficoltà nella pronuncia di alcuni fonemi, difficoltà di comprensione verbale, lessico povero o comunque inferiore a quanto ci si aspetti per l'età, produzione morfo sintattica alterata. 

  • DISTURBO D’ATTENZIONE E/O IPERATTIVITA’“Mio figlio non riesce a stare fermo, non riesce a controllarsi e a stare attento...”
    Si tratta di un deficit di attenzione e/o iperattività che può compromettere gli apprendimenti scolastici, l’adattamento alla realtà esterna e le relazioni sociali, a causa anche di una componente impulsiva, difficoltà di autocontrollo, pianificazione e previsione delle conseguenze.

  • DISTURBO SPECIFICO DELL’APPRENDIMENTO“Mio figlio non riesce a leggere, scrivere, a fare i calcoli, a scuola mi dicono che è lento e svogliato...”

      Quando si parla di DSA si intende                        raggruppare quattro tipi di disturbo in                    particolare : la dislessia ( deficit nella                  lettura), disortografia ( deficit                             nell'ortografia), disgrafia  (deficit delle                 componenti motorie deputate allascrittura) e      discalculia ( deficit nell'area del calcolo e del        numero)         

  • DISTURBO OPPOSITIVO-PROVOCATORIO“Mio figlio vuole sempre fare di testa sua e non rispetta le regole...”
    Si tratta della messa in atto da parte del bambino di una serie di comportamenti disadattivi e disfunzionali, non rispetto dell’autorità adulta (insegnanti e genitori), atteggiamenti di sfida, scarsa empatia.

  • DISTURBI EMOTIVI“Mio figlio mi sembra agitato, ansioso, non riesco a capirlo...”
    Si tratta di stati ansiosi o depressivi che interferiscono con il benessere del bambino, lo svolgimento delle attività quotidiane (compiti, gioco), limitando il successo personale, scolastico e relazionale.

 

  • DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO -  “Mio figlio sembra stare in un mondo tutto suo, non mi guarda negli occhi, fa cose strane...”
    Si evidenzia con difficoltà ad instaurare una relazione significativa con l' altro ed un deficit nelle abilità pragmatiche- comunicative nel comportamento.
    DISTURBI DELLA COORDINAZIONE MOTORIA-DISPRASSIE“mio figlio sembra impacciato, non riesce a calciare una palla, spesso cade, non riesce ancora a legarsi le scarpe...”                                                        Si tratta di disturbi dell’area dello sviluppo neuro-psico-motorio che possono portare a ritardi o difficoltà nell’acquisizione delle principali tappe dello sviluppo motorio e nella programmazione motoria del movimento finalizzato ad un'azione. .